Villaggi turistici Volterra: seleziona il campeggio villaggio di tuo interesseVillaggi turistici Toscana
Sei in: 

Toscana »  Pisa » Villaggi Volterra

siamo spiacenti ma non ci sono strutture disponibili nel nostro database per questa pagina

villaggi volterra

Passeggiare per le vie del centro storico di Volterra vuol dire percorrere un itinerario storico-artistico che parte dall’epoca etrusca fino al periodo ottocentesco.
A testimoniare l’origine etrusca del centro storico rimane oggi la “Porta all’Arco” (IV-III sec. a.C.). La porta fa parte della antica cinta muraria della città: edificata dagli etruschi fu poi leggermente modificata durante il periodo alto medievale quando Volterra divenne libero comune. Da notare sono la rappresentazione delle teste di Tinia (Giove) e i due dioscuri Castore e Polluce (divinità protettrici etrusche), rispettivamente sulla chiave di volta e sui due piani di imposta).
La Cattedrale di Volterra, dedicata all’Assunta, fu costruita attorno al 1120 e ampliata nel XIII secolo, secondo il Vasari, da Nicola Pisano (1220 ca. – 1280 ca.). Nel 1580-84, dopo il Concilio di Trento e le nuove norme liturgiche, furono modificati gli interni: oggi si presentano in stile Barocco. Sopra l’arco trionfale sovrasta lo stemma della famiglia Medici al fine di ricordare a tutte le generazioni presenti e future che il grandioso soffitto fu  realizzato grazie alla magnificenza del granduca. Da non perdere sono le opere di Candid (Bruges 1548 – Monaco 1628), de l’Empoli (Firenze 1551-1640), di Matteo Rosselli (Firenze 1578 – 1650), del Domenichino (Bologna 1581 – Napoli 1641), del Pomarancio (Pomarance, Pisa 1520 ca. 1596 ca.),di Mariotto Albertinelli (Firenze 1474 – 1515) e di Giovanni Angelo Montorsoli (Montorsoli, Firenze 1507 – Firenze 1563).
Rappresenta a pieno l’epoca medievale il Palazzo dei Priori, oggi palazzo comunale: all’interno si può visitare la Sala del Consiglio della Giunta.
Fu sede dei Podestà e dei Capitani del Popolo il Palazzo Pretorio: la sua torre, la più antica della città,  è chiamata Torre del Porcellino in quanto sopra una mensola c’è la figura di un porcellino.
Accanto a questi monumenti si trova un artigianato unico: la lavorazione dell’alabastro.
Vicino Volterra in località Lajatico si trova la Villa medicea di Spedaletto una delle residenze di Lorenzo il Magnifico: gli attuali proprietari fanno parte della famiglia Corsini, nobile famiglia fiorentina.

MUSEI

Museo Etrusco
Palazzo Desideri Tangassi - Via Don Minzoni n° 15
Uno dei più antichi musei pubblici della storia: nacque nel 1761 quando l’abate Mario Guarnacci donò la sua raccolta di pezzi archeologici e una raccolta di 50.000 libri  al “pubblico della città di Volterra”. Oggi, oltre alla biblioteca, sono esposti monumenti arcaici, classici e reperti del IV – I secolo a.C.

Pinacoteca Civica
Palazzo Minucci Solaini - Via dei Sarti n° 1
La pinacoteca conserva una serie di dipinti proveniente dal territorio di Volterra dell’epoca Alto-medievale e rinascimentale.

Museo Arte Sacra
Palazzo Vescovile - Via Roma, 13 
Il museo presenta opere provenienti dalla Cattedrale e da chiese della Diocesi.

Ecomuseo dell’Alabastro
Palazzo Minucci Solaini - Via dei Sarti
L'Ecomuseo dedicato all’Alabastro si divide due distinti itinerari territoriali: l'itinerario dell'escavazione e l'itinerario della lavorazione e della commercializzazione. Ad arricchire gli itinerari contribuiscono anche l'Archivio d'Area di Santa Luce, il percorso all'interno di una galleria della cava del Massetto nella Valle del Marmolaio e l'Archivio d'Area presso l'Istituto Statale d'Arte di Volterra

preventivo immediato
0734.278024
0734.671500

da lunedì a domenica
09:00 - 19:00

 

Newsletter

iscriviti per
ricevere le
offerte in Toscana
informativa sulla privacy